Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  martedi 23 aprile 2024 Partito Democratico Emilia-Romagna
|
25 giugno 2008: Al lavoro per costruire l'identità del PD




Allegati 1 - “Prosegue il radicamento di un partito capace di produrre bella e buona politica”
Guarda l’intervista al Segretario regionale del PD Salvatore Caronna
   
Video - apri »
[Scarica il file »]
2 -
“Trovare l’orgoglio di essere Democratici”
Guarda l'intervista a Giuseppe Fioroni
   
Video - apri »
[Scarica il file »]
3 -
“Non scendere in piaza contro: incalzare il Governo sui temi”
Guarda l'intervista a Giuseppe Fioroni
   
Video - apri »
[Scarica il file »]
4 -
La relazione introduttiva di Giorgio Sagrini
5 -
Elezioni politiche 2008: sitme dei flussi elettorali alla Camera
a cura dell'Ufficio Ricerche del PD Emilia-Romagna

Il responsabile dell'Area Organizzazione del PD ha concluso un vivace e articolato confronto, cominciato con la presentazione di una dettagliata analisi del voto in Emilia-Romagna, svolta dal responsabile Organizzazione regionale Giorgio Sagrini (consulta e scarica la relazione introduttiva; consulta e scarica le stime sui flussi elettorali). Fioroni ha invitato ad abbandonare qualsiasi tono disfattista sul risultato di aprile: "dobbiamo ringraziare ancora oggi quei 3 milioni e mezzo di votanti che il 14 ottobre scorso ci hanno dato il coraggio di cambiare - ha spiegato - perché, anche se pochi lo fanno notare, se non avessimo creato il PD e fossimo andati alle elezioni con i vecchi schieramenti, oggi forse staremo riflettendo su una sconfitta epocale come quella toccata alla Sinistra Arcobaleno".

Non è quindi sulla bontà del progetto politico messo in campo che occorre discutere, prosegue Fioroni, sottolineando che durante la campagna elettorale per la prima volta il PD e Veltroni sono riusciti a catturare le attenzioni di fasce di elettorato mai identificatesi finora nell'area di centro sinistra. "Il che non significa che ci abbiano votato - precisa subito dopo - anche perché dalle analisi dei flussi appare evidente che gli elettorati italiani sono sostanzialmente cristallizzati da decenni, a testimonianza di una maturità della democrazia non ancora pienamente raggiunta". È quindi su questo aspetto che bisognerà lavorare d'ora in avanti, per definire quei valori, priorità e proposte che dovranno vincere finalmente i pregiudizi e trasformare le attenzioni e curiosità di oggi, in voti e consenso domani.

Per questo la parola d'ordine dei prossimi mesi dovrà essere la definizione del profilo del PD, delle sue aspirazioni. Un compito che chiede inevitabilmente un cambio di passo: "occorre trasformarsi da centometristi in maratoneti", spiega Fioroni, perché far digerire una nuova identità politica a milioni di elettori non è una operazione realizzabile nel giro di poche settimane. Richiede piuttosto tempo e tanto impegno, anche attraverso un ulteriore radicamento del partito nei territori, con l'avvio del tesseramento, e puntando forte sulle feste, che sono e restano uno straordinario strumento per l'affermazione di una propria fisionomia.

Fioroni cita quindi il Congresso tematico di novembre, definendolo un altro momento cruciale per la riuscita di questo processo, e fissa nell'autunno 2009, dopo la prova del voto delle amministrative e delle europee, l'orizzonte ideale per il primo momento di confronto politico sulla leadership nel partito. "Prima non avrebbe senso - afferma - perché non dobbiamo dimenticare che questo partito è ancora in costruzione, e che se in Emilia-Romagna la macchina è ben in moto, altrove è ancora tanto il lavoro da fare".

Il tema dell'identità, filo rosso dell'intero intervento, torna infine quando il discorso si sposta sulle alleanze e sul tipo di opposizione da fare al Governo. Nel primo caso l'ammonimento è a non recedere dall'unico passo che gli italiani hanno finora pienamente capito e apprezzato, ossia dalla scelta di non fare più alleanze "contro", ma solo "per". "Il vero tempo non è quindi capire se dobbiamo allearci a sinistra o a destra - esorta Fioroni - ma capire quali priorità e proposte ci stanno veramente a cuore, e, a partire da ciò, individuare chi può lavorare concretamente al nostro fianco per realizzarle".

Discorso identico sulla natura dell'opposizione. "Non capisco cosa voglia dire essere buoni o cattivi - commenta - ma capisco perfettamente che metterla in rissa, così come avvenuto fino a poco tempo fa, a noi non porta né voti, né consensi". Piuttosto è il momento di affermare il dialogo e il confronto, "che sono il sale della democrazia, e non la loro negazione", partendo dall'ovvio presupposto che essi possono essere anche aspri e serrati, quando devono esserlo. Occorre perciò "abbandonare la logica delle tifoserie" e concentrarsi piuttosto sulla costruzione di una classe dirigente di qualità che riesca a spiegare agli italiani "che strana percezione delle priorità del Paese hanno Berlusconi e i suoi alleati", ma anche e soprattutto quali sono le proposte alternative del PD. In autunno si andrà perciò in piazza - continua Fioroni - ma non tanto per sottolineare che il Presidente del Consiglio ancora una volta usa la sua carica per sistemare le proprie vicende private. "Questo gli italiani già lo sanno - spiega - è il momento di spiegare loro piuttosto che le tasse che dovevano ridurre non le hanno ridotte, e che il welfare che avevano promesso di ammodernare lo stanno smantellando". Così come occorrerà spiegare loro - conclude - le proposte e i progetti messi in campo dal PD per invertire questo stato di cose e aprire quella stagione di riforme della quale il Paese ha sempre più bisogno.
Ricerca nel sito
»

stefano bonaccini modena bologna pd emilia-romagna emilia-romagna pd ambiente
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto