Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Modulo di iscrizione al Partito Democratico  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  martedi 31 marzo 2020 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
Un'Italia diversa esiste

3 maggio 2009

Pubblicato in: Elezioni 2009

È ricordando a tutti la consapevolezza di essere di fronte ad una "tornata elettorale di altissimo valore per il Paese e per il Partito Democratico" che Livia Zaccagnini introduce l'incontro con il segretario nazionale del PD Dario Franceschini e i candidati al Parlamento Europeo Salvatore Caronna e Vittorio Prodi, in programma al Circolo Arci Benassi di Bologna sabato 2 maggio.

E la parola passa subito al parlamentare uscente Prodi, recordman di presenze nelle sedute a Strasurgo, il quale evidenzia la necessità di superare le politiche nazionali, per affrontare le sfide economiche, sociali, ambientali che si delineano all'orizzonte. "La dimensione delle nostre azioni deve essere europea" prosegue, perché ragionare solamente all'interno dei nostri confini si traduce oggi in una perdita di sovranità. La strada è già stata tracciata, perché oggi molte delle norme decise dall'assise europea, hanno ricadute sulla vita quotidiana dei cittadini italiani, ma occorre ancora lavorare in questa direzione, per affrontare le crisi e i conflitti internazionali. Solo con "più Europa" conclude Vittorio Prodi "otterremo più occupazione e più pace".

E anche Salvatore Caronna, dal palco della sala polivalente del Circolo Benassi, propone l'Europa come la sede più adatta nella quale proiettare e valorizzare le esperienze maturate sul territorio. "Il periodo di cinque settimane che ci attende è breve" - evidenzia il segretario regionale - "ma i risultati del voto, specie di quello europeo, saranno duraturi". In palio ci sarà la rappresentanza di un'Italia diversa, che "non vuole rassegnarsi al declino sociale e morale in cui ci ha sprofondato la destra". Un'Italia, questa, ricca di competenze, di saperi e pronta ad accettare la sfida del rispetto delle regole, del riconoscimento, del merito e della coesione sociale. Di questa Italia, prosegue Caronna, l'Emilia-Romagna è un pezzo fondamentale: "la tradizione di questa terra ci ha permesso di stare al passo con le realtà più avanzate e sviluppate del mondo e questo patrimonio oggi non può essere risucchiato in una logica di malgoverno".
"Non possiamo stare a guardare", ammonisce Caronna, perché non "batteremo i nostri avversari se gridiamo più forte" ma solo se sapremo essere radicalmente diversi dai modelli che oggi la destra propone". IL PD, conclude il candidato al Parlamento Europeo, deve essere coerente e "al servizio di un'Italia aperta all'Europa e al mondo", e per farlo occorrerà "discutere ma anche e sopratutto decidere".

Gli applausi che chiudono l'intervento da Caronna accompagnano sul palco il segretario nazionale del Pd Dario Franceschini, reduce dal suo viaggio in treno che, nelle scorse settimane, lo ha portato in giro per l'Italia e l'Europa. E proprio "visitando tante piccole città ho trovato una grande energia positiva espressa da italiane e italiani ben diversi da quelli che ci propone la tv". All'Italia perfetta e imbellettata che ci viene mostrata, ne corrisponde infatti una reale, fatta di fasce deboli, di poveri. Ed è compito della politica, ammonisce con fermezza Franceschini, aiutare queste persone e non abbandonarle a loro stesse. Ma se "per il Governo la crisi è già passata", allora deve essere il PD a farsi avanti con azioni mirate a risolvere i problemi quotidiani degli italiani. Perché perdita del lavoro, oggi, vuol dire disperazione e precarietà, "significa rimandare le scelte della vita per le nuove generazioni". Il PD ha proposto azioni "moralmente giuste", a favore delle donne, dei giovani, del sud e dei disoccupati, ma il Governo sembra ignorare la situazione in cui versa il Paese, attuando misure di segno opposto.
Non è più il tempo delle mezze misure, "un miliardario che vola con il suo jet privato cosa ne può sapere delle difficoltà e delle sofferenze dei cittadini?", si domanda Franceschini. E prosegue, "Berlusconi probabilmente va a dormire bene solo se ha un punto in più nei sondaggi, io dormo bene se so di essere riuscito a risolvere un problema quotidiano di un italiano".
La chiosa del segretario è però dedicata alle prossime elezioni e in particolare alle Europee, con la rivendicazione di "avere inserito in lista solo persone che una volta elette lavoreranno là", perché quello è "lo scenario che può aiutarci a costruire un'Italia migliore da consegnare ai nostri figli".


TAGS:
dario franceschini |  salvatore caronna |  vittorio prodi |  livia zaccagnini |  cultura e europa |  elezioni 2009 |  bologna |  incontro | 

Bookmark and Share





Agenda Appuntamenti
« Marzo 2020 »
DoLu MaMe GiVe Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31
Ricerca nel sito
»

pd modena emilia-romagna stefano bonaccini ambiente pd emilia-romagna bologna
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto