Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  venerdi 3 dicembre 2021 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Tesseramento | 2 x 1000 |
E' stato morto un ragazzo

12 febbraio 2014

Pubblicato in: Giovani Democratici

Come Giovani Democratici dell'Emilia Romagna giovedì 13 febbraio abbiamo organizzato a Ferrara una serata per ricordare Federico Aldrovandi, il ragazzo massacrato di botte da 4 agenti di polizia nel settembre del 2005. La serata prevede la proiezione del film "è' stato morto un ragazzo" e al termine un dibattito con il regista/giornalista Filippo Vendemmiati.

La vicenda di Federico Aldrovandi ha colpito molti, in particolare i più giovani, perchè non si può morire a 18 anni per un semplice controllo di polizia. Ma la cosa che ha lasciato più sgomenti è stata che solo grazie alla  caparbietà, al coraggio e alla grande forza di volontà di una famiglia e in particolare di una mamma che volevano semplicemente sapere la verità sulla morte del proprio figlio, si è potuta fare piena luce sulla vicenda. In questi anni ne abbiamo viste di tutti i colori: depistaggi nelle indagini, insulti verso la famiglia, tentantivo di infangare la memoria di Federico. Non ci sono riusciti.

La morte di un ragazzo di 18 anni è di per sè un fatto tragico ma la cosa che ha provocato in molti ragazzi della nostra genezione sentimenti di rabbia e paura è stata la consapevolezza che Federico poteva essere ognuno di noi, un nostro amico, un nostro coetaneo, un nostro conoscente. Chiunque di noi poteva essere al posto di Federico.
Per questo è stato fondamentale fare piena luce sulla vicenda e oggi dopo una sentenza passata in giudicato ci sono colpevoli assicurati alla giustizia di quel terribile avvenimento. E' notizia di questi giorni, inoltre,  il possibile reintegro in servizio dei 4 agenti condannati. Questo per noi sarebbe un fatto inaudito, gravissimo, che andrebbe a macchiare l'onorabilità dello Stato e anche delle tante forze dell'ordine che svolgono con serietà il proprio mestiere.

Come Giovani Democratici abbiamo promoso una raccolta firme per fare in modo da rendere sanzionabile la condotta di quanti, nel ricoprire funzioni pubbliche, si rendono gravemente responsabili di maltrattamenti, fisici e psicologici, a danno di reclusi ed imputati. E' da anni che ci battiamo per l'introduzione del reato di tortura nel nostro ordinamento. Queste persone non devono mai più ricoprire incarichi per conto dello Stato italiano.

La giustizia ha fatto il suo corso e ha condannato i colpevoli di questo omicidio, la verità la conosciamo. Ora non ci rimane che tenere alta l'attenzione su chi vuole infangare la memoria di Federico o riscrivere la storia a proprio piacimento. Noi vogliamo ricordare un ragazzo delle nostra età, morto ammazzato per nessun motivo e fare in modo che vicende come queste non accadano mai più.

L'iniziativa è ad ingresso libero e si terrà alle ore 18 presso la Sala Imbarcadero 2 Castello Estense a Ferrara.


Vinicio Zanetti, Segretario Regionale GD Emilia Romagna
Enrico Falla, responsabile giustizia GD Emilia Romagna




TAGS:
federico aldrovandi |  giovani democratici |  partito democratico |  pd |  filippo vendemmiati |   | 

Bookmark and Share



Ricerca nel sito
»

modena bologna ambiente pd emilia-romagna pd emilia-romagna stefano bonaccini
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto