Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Modulo di iscrizione al Partito Democratico  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  mercoledi 21 agosto 2019 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
I candidati alle Europee: Roberta Mori

17 maggio 2019

Pubblicato in: Elezioni Europee 2019

“L’unica alternativa all’Europa è un’Europa migliore. Per contare nel mondo va riaffermata la forza della nostra diversità, fatta di qualità, diritti sociali e civili, libertà personali e democratiche che non esistono altrove. L’Europa come orizzonte minimo per governare gli effetti e le opportunità della globalizzazione. La nostra ambizione è offrire pace benessere e futuro ai ragazzi e alle ragazze di oggi, alle donne e agli uomini di domani. Per vincere questa sfida le priorità sono la lotta alle disuguaglianze e al cambiamento climatico, l’investimento nel capitale umano e l’innovazione di lavoro e sviluppo partendo dai territori e dalle loro potenzialità.

Nel prossimo mandato l’Europa dovrà essere più unita, forte e solidale, costruendo ponti culturali e alleanze politiche che mettano al centro gli obiettivi strategici dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile del Pianeta. Mi impegno a mettere a frutto la mia esperienza di coordinatrice nazionale delle Commissioni pari opportunità di Regioni e Province Autonome per promuovere l'uguaglianza sostanziale tra le persone e una compiuta emancipazione femminile. Il gap salariale, la penalizzazione lavorativa delle donne legata alle attività di cura, la loro segregazione formativa e decisionale, sono freni allo sviluppo europeo e di ogni Stato membro che potremo rimuovere con una legislazione più cogente e rafforzando strumenti come il Programma Rights Equality and Citizenship. Vanno applicate le direttive sulla parità di trattamento di uomini e donne in materia di occupazione, impiego e nel lavoro autonomo, va adeguata la direttiva sul congedo di maternità, introdotto il congedo di assistenza per chi si prende cura dei propri cari non autosufficienti.

Integrazione europea accanto a integrazione sociale e multiculturale, se sostenute con coerenza, ci rafforzeranno sotto tutti i profili: il recente patto globale sulla migrazione (Global Compact on Migration) per una migliore gestione dei migranti e rifugiati a livello locale, regionale e nazionale, rappresenta un passo in avanti ove coniuga rispetto dei diritti umani, lotta alla tratta e un sistema regolato di diritti e doveri che mette le persone migranti nelle condizioni di arricchire le nostre Comunità attraverso le loro capacità economiche e sociali. L’attuazione su scala europea della Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne è una battaglia di civiltà. Per un’Europa della dignità, della parità e del bene comune, mi impegno ad ampliare l’accesso al programma Erasmus a tutti i ragazzi e le ragazze fin dalle scuole secondarie, per costruire una cittadinanza europea consapevole e ricca di opportunità.”

:::::::::::::::::::::::::

"UNA NUOVA EUROPA È POSSIBILE! Possibile sì, quanto necessaria, per affrontare le sfide delle disuguaglianze nel mondo, per riscrivere un patto intergenerazionale che assicuri un domani migliore. Difendere la pace, rispettare i diritti umani, raggiungere la parità tra uomini e donne, contrastare le discriminazioni economiche e personali, promuovere la giustizia sociale, combattere la povertà, lottare contro il cambiamento climatico e per la qualità dell’ambiente, innovare lavoro e sviluppo partendo dai territori e dalle loro potenzialità: gli obiettivi dell’Agenda 2030 dell’Onu per lo sviluppo sostenibile del Pianeta impegnano i Governi a fare la loro parte e l’Europa deve essere in prima linea.

L’EUROPA È ANCHE DONNA! Le donne sono portatrici di nuovi sguardi utili alla società e l’Europa deve dotarsi di una strategia di azioni integrate e concrete a sostegno della loro autodeterminazione, per la parità salariale, la qualificazione dell’occupazione femminile, l’equilibrio tra lavoro e vita familiare per condividere le responsabilità genitoriali e di cura. L’Europa deve attuare la Convenzione del Consiglio Europeo di Istanbul per la prevenzione della violenza domestica sulle donne.

L’EUROPA È SOLIDALE! L’essere europei ed europee ci unisce nella diversità. Ritrovare le radici profonde di questa unità significa salvaguardare diritti sociali e civili che non esistono in nessun altro continente. Per democrazia e libertà contri i rigurgiti nazionalisti delle destre mi metto al servizio di una nuova resistenza perché… “essere partigiane o partigiani è una scelta di vita”.


Sono nata a Castelnovo di Sotto, in provincia di Reggio Emilia, dove risiedo. Sono Avvocata. Il mio primo impegno civico è stato nel volontariato presso il Museo dell’Istituto nazionale Alcide Cervi. Poi la passione politica mi ha portato, a ventisette anni, ad essere eletta Sindaca del mio Comune per due mandati. Eletta nel 2010 Consigliera della Regione Emilia-Romagna, sono stata rieletta nel 2014 e presiedo la Commissione “per la Parità e per i Diritti delle Persone”, tuttora l’unica in materia nelle Regioni ad avere potere legislativo. Dal 2013 sono Coordinatrice nazionale della Conferenza che riunisce le Commissioni pari opportunità di Regioni e Province Autonome. Prima come relatrice della legge quadro per la parità e contro le discriminazioni di genere, L.R. 27 giugno 2014, n. 6, poi da presidente della Commissione, mi impegno ogni giorno nell’applicazione in Emilia-Romagna della Convenzione di Istanbul, unitamente al lavoro incessante per la promozione dei diritti LGBT e di tutte le minoranze.

www.facebook.com/robertamori.paginaufficiale
twitter.com/moriroberta
www.robertamori.it


TAGS:
roberta mori |  elezioni europee |  pd |  pder |  siamo europei | 

Bookmark and Share



Agenda Appuntamenti
« Agosto 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Ricerca nel sito
»

emilia-romagna modena pd emilia-romagna stefano bonaccini bologna pd ambiente
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto