Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Modulo di iscrizione al Partito Democratico  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  giovedi 21 novembre 2019 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
Prende il via la campagna per il Sì in Emilia-Romagna

15 ottobre 2016


Si è svolta nella mattinata di oggi, presso l’Hotel Molino Rosso di Imola, la riunione dei Comitati per il Sì al Referendum Costituzionale costituitisi in Emilia-Romagna. L’iniziativa, dal titolo “Sì… parte” ha rappresentato l’occasione per un primo confronto con i componenti dei Comitati che saranno direttamente impegnati nella campagna elettorale che porterà al voto del 4 dicembre prossimo. Tante le persone in sala in un confronto che ha visto anche interventi dal pubblico per uno scambio di idee sulla campagna referendaria.

Sul palco dei relatori: Paolo Calvano, segretario del PD dell’Emilia-Romagna; Antonio Funiciello e Flavio Arzarello, componenti del Comitato nazionale Bastaunsì; Salvatore Vassallo, docente di Scienza politica presso l’Università di Bologna; Maurizio Pessato, presidente di SWG e Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

“Questa è la sfida di tutti noi – ha esordito Paolo Calvano rivolgendosi alla platea composta sia dai Comitati promossi dal PD che da quelli nati spontaneamente in queste settimane – c’è un lavoro quotidiano da fare da qui al 4 dicembre e lo faremo cercando il massimo coinvolgimento delle persone, a partire dal merito della Riforma. “Il PD - ha ribadito in seconda battuta Calvano – promuoverà dal 22 al 28 ottobre una settimana di mobilitazione coinvolgendo tutti i Comitati Bastaunsì della regione, organizzando iniziative, confronti, banchetti, occasioni di incontro in maniera diffusa da Rimini a Piacenza”.

Salvatore Vassallo ha esordito ricordando che: ”la Riforma non modifica minimamente i principi fondamentali stabiliti nella prima parte della Costituzione e finalmente mette fine al bicameralismo perfetto che i partiti promettono di eliminare da trent’anni senza esserci riusciti”. “Oltretutto - ha ribadito il politologo - saranno ridotti considerevolmente i costi della politica e aumentati i contrappesi, si pensi ad esempio, all’innalzamento del quorum per l’elezione del Presidente della Repubblica” .

Antonio Funiciello, componente del Comitato nazionale Bastaunsì ha sottolineato la necessità di usare “linguaggi semplici” nel corso della campagna referendaria “per arrivare più facilmente alle persone”. Senza dimenticare che “stiamo parlando di un Referendum e quindi dobbiamo essere in grado di rivolgerci a tutta la platea di cittadini che si ritrova nei contenuti della Riforma, a prescindere dagli orientamenti politici”. L'intervento di Flavio Arzarello si è invece concentrato sugli aspetti più pratici della campagna: dall'organizzazione dei banchetti alla mobilitazione sul web e sui social network.

Maurizio Pessato ha illustrato quali sono le principali motivazioni dei sostenitori dei due fronti che emergono dai sondaggi che si leggono in questi giorni: ”tra gli elettori decisi a votare si il sentimento più diffuso è quello dell’attesa fiduciosa, mentre a motivare i sostenitori del no prevale un sentimento negativo nei confronti del governo”.
  
Per il Ministro Franceschini bisogna sgombrare il campo dall’idea che “il Referendum sia un momento di scontro politico. Se qualcuno vuole sfidare Matteo Renzi lo sfidi al Congresso, se lo si vuole sfidare dal punto di vista politico ci saranno le elezioni. La discussione deve essere sul merito e sui contenuti di questa Riforma”.
I passi avanti che saranno introdotti in caso di vittoria del sì, ha dichiarato Franceschini, sono evidenti: “pensiamo anche solo al rimpallo tra una Camera e l’altra: oggi se cambia una parola si deve tornare all’altra Camera senza, peraltro, migliorare la qualità legislativa. Con il Sì al Referendum possiamo mettere fine a tutto questo”.


TAGS:
referendum |  riforma |  dario franceschini |  paolo calvano |  salvatore vassallo | 

Bookmark and Share



Agenda Appuntamenti
« Dicembre 0 »
DoLu MaMe GiVe Sa
   1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27
Ricerca nel sito
»

pd stefano bonaccini ambiente emilia-romagna bologna pd emilia-romagna modena
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto