PD

Il portale del Partito Democratico dell'Emilia-Romagna

Per registrarti accedi alla sezione dedicata all'Albo degli elettori/elettrici del PD

Per iscriverti o rinnovare l'adesione al PD dell'Emilia-Romagna accedi alla sezione tesseramento

  Home |  PD ER  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  martedi 27 settembre 2016 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
"Cambiamo verso all'Europa"

22 maggio 2014

Pubblicato in: Dichiarazioni

Care democratiche, cari democratici,
quella che si terrà tra pochi giorni, sarà una tornata elettorale particolarmente impegnativa. In Emilia-Romagna, infatti, non si voterà soltanto per le Elezioni Europee, ma anche per eleggere Sindaci e Consigli comunali in ben 250 Comuni, di cui cinque capoluoghi. Sarà un derby tra chi punterà sulla rabbia e chi sulla speranza. Da poche  settimane il governo Renzi è alla guida del Paese, con l’obiettivo di dare risposte principalmente in due direzioni: riforme istituzionali, riforme economiche e sociali. Il superamento  delle Province, l’incentivazione per i Comuni ad associarsi in Unioni o fondersi tra loro, la futura abolizione dell’attuale Senato per ridurre di oltre 300 il numero dei Parlamentari e superare il bicameralismo paritario, la riforma del Titolo V sono alcuni esempi di interventi che oltre a far risparmiare un miliardo di euro di costi della politica, porteranno ammodernamento ed efficientamento delle nostre istituzioni.

Sappiamo però che con una nuova, buona, legge elettorale o con il taglio delle Province non si mangia e non si arriva a fine mese. È per questo che diventa prioritario aggredire la vera emergenza: creare nuovi posti di lavoro e ridurre la precarietà, far ripartire e sostenere la crescita, riformare il mercato del lavoro, investire su nuove politiche industriali, superare il patto di stabilità interno per liberare risorse per investimenti nei territori, tagliare il costo del lavoro. Il taglio del 10% dell’IRAP, attraverso l’aumento della tassazione sulle rendite finanziarie (escludendo i risparmi delle famiglie), per far pagare qualcosa in più a chi ha avuto di più in questi anni, avverrà dopo la più grande redistribuzione di risorse mai fatta verso chi fa fatica ad arrivare a fine mese: soltanto chi è ricco e può permettersi una fiorentina a pranzo e a cena può sbeffeggiare l’aumento in busta paga di 80 euro ogni mese per undici milioni di lavoratori che ne guadagnano meno di 1500. Ciò non risolve i problemi del mondo, ma è stato un primo significativo provvedimento verso chi ha stretto la cinghia in questi anni e dopo di loro si interverrà su incapienti, pensionati, partite IVA.

Fare bene in casa nostra è il miglior biglietto da visita per tornare protagonisti in Europa. L’Europa che va al voto è attraversata da malessere sociale e preoccupazione  per il futuro. Serve una forte affermazione delle forze socialiste e democratiche per evitare che i cittadini siano ostaggio di una rivolta populista che non offre alcuna prospettiva credibile per risolvere i problemi. Noi, convinti europeisti, vogliamo un’Europa molto diversa da quella che abbiamo conosciuto in questi anni: in particolare va superato il dogma dell’austerità, ad esempio armonizzando le politiche fiscali e spostando  il peso della tassazione sulla rendita finanziaria per liberare risorse per la crescita e lo sviluppo. Così come occorre mutualizzare il debito  e prevedere piani di investimento a sostegno della piccola e media impresa. Noi vogliamo dunque un’altra Europa, più democratica ed inclusiva, che abbia come pilastri della sua azione la crescita, il lavoro e l’innovazione. Se il PD avrà un grande risultato possiamo essere, nel PSE, il gruppo più numeroso al Parlamento Europeo e svolgere un ruolo di primo piano per cambiare verso all’Europa, esattamente come stiamo facendo cambiare verso all’Italia.

Stefano Bonaccini



TAGS:
bonaccini |  stefano bonaccini |  lettera |  europee 2014 |  elezioni |  partito democratico |  emilia romagna |  pd |   | 

Bookmark and Share



Agenda Appuntamenti
« Settembre 2016 »
DoLu MaMe GiVe Sa
    1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30
Ricerca nel sito
»

bologna pd pd emilia-romagna emilia-romagna ambiente stefano bonaccini modena
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto