Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Modulo di iscrizione al Partito Democratico  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  giovedi 20 giugno 2019 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
Comuni. Macciantelli: "basta tagli lineari e allentare patto di stabilità"

29 gennaio 2014


"Un'inversione di tendenza? Speriamo sia sufficiente per fare i bilanci ed evitare un aumento della pressione fiscale". Lo ha affermato Marco Macciantelli, sindaco di San Lazzaro di Savena e Responsabile Enti locali del PD Emilia-Romagna, commentando la manifestazione dell'Anci di questa mattina a Roma che ha visto la partecipazione di numerosi amministratori anche dalla nostra Regione.

"Si può sempre fare meglio - ha proseguito Macciantelli - ma l'accordo Anci-Governo, almeno per il 2014, è un piccolo passo avanti. Veniamo da una situazione di anni di tagli e di incertezza allarmante, dove il problema non è solo la quantità delle  risorse disponibili ma la ‘certezza' della loro disponibilità".

"Sul territorio c'è una grande esasperazione, una grande sofferenza. E' stato un anno orribile. Un continuo, confuso mettere e togliere, tra annunci e proclami, come quelli del centrodestra sull'Imu. Berlusconi prima ha preteso la cancellazione dell'Imu sulla prima casa poi se n'è andato all'opposizione".

Bisogna voltare pagina, imboccare una strada diversa. "Basta tagli lineari - sostiene Macciantelli - e  allentamento per 1 miliardo del patto di stabilità. Ci sono, ci devono essere, spazi finanziari ulteriori per i piccoli Comuni e, anche se non basta, per loro si deve arrivare ad azzerare il patto di stabilità. Il tributo per i servizi indivisibili, allo 0,8 per mille e i Comuni potranno valutare come modulare le detrazioni Tasi tra la prima e la seconda casa".

"Adesso - ha affermato ancora - bisogna correre per provare ad approvare i bilanci comunali entro il 28 febbraio. Manca appena un mese. Forse servirà un'ulteriore scadenza".

Infine, dall'ANCI - sottolinea Macciantelli -  non sono emerse solo questioni economiche, ma anche istituzionali: dalla riforma del sistema locale al superamento delle Province, alle Unioni dei Comuni per le gestioni associate fino alle nuove Città metropolitane, secondo il percorso delineato nel disegno di legge passato alla Camera in attesa di approvazione definitiva del Senato". Tutti temi che - tra l'altro - hanno implicazioni non tanto e non solo sui "costi della politica" ma sulla qualità stessa delle democrazia.

A questo proposito è utile segnalare che in Emilia-Romagna si sono realizzati negli ultimi mesi 4 nuove fusioni di Comuni, che è in pieno svolgimento il processo associativo e di integrazione amministrativa dei Comuni nelle nuove Unioni, avviato con la Legge regionale 21/2012, e che l'Emilia-Romagna è tra le poche Regioni che - grazie al "patto regionale di stabilità"  ha concretamente sostenuto i Comuni.



TAGS:
anci |  marco macciantelli |  enti locali |  pd |  dichiarazione |  roma |  emilia-romagna |  comuni | 

Bookmark and Share



Agenda Appuntamenti
« Giugno 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
      1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30
Ricerca nel sito
»

modena stefano bonaccini pd emilia-romagna ambiente bologna pd emilia-romagna
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto