Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Modulo di iscrizione al Partito Democratico  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  domenica 15 settembre 2019 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
“I nuovi italiani. Chi nasce e cresce in Italia è italiano”

6 settembre 2010

Pubblicato in: Iniziative e progetti

Allegati 1 - "Chi nasce e cresce in Italia è italiano" documento di presentazione della campagna
2 -
Proposta di legge Granata-Sarubbi per la modifica della legge 91 del 5 febbraio 1992
3 -
"Mandiamoli a casa, i luoghi comuni" - Razzismo e pregiudizi, istruzioni per l'uso
4 -
Rapporto CNEL sull'immigrazione in Italia
5 -
Stranieri di nome, italiani di fatto - Camapagna dei Giovani Democratici
6 -
Regione Emilia-Romagna: buone pratiche di integrazione
7 -
Le politiche dei flussi di Andrea Stuppini
8 -
Testimonianza: la lunga attesa delal cittadinanza di Benko Gjata

"Il nostro è un messaggio culturale, vogliamo creare un dialogo tra tutti coloro che crescono, vivono, studiano e lavorano nel nostro Paese". Sono queste le premesse della campagna "I nuovi italiani. Chi nasce e cresce in Italia è italiano", presentate dalla responsabile Immigrazione del PD dell'Emilia-Romagna Cécile Kynege nel corso della conferenza stampa tenutasi a Reggio Emilia sabato 4 settembre. Una scelta, quella di Reggio, non casuale: la città porta avanti da anni una serie di iniziative come l'inserimento dell'interculturalità tra i fattori determinanti delle politiche educative. Inoltre Reggio Emilia è stata scelta come la città che rappresenterà l'Italia nel network europeo del dialogo interculturale. "La diversità è una ricchezza" ha ribadito il sindaco Graziano Delrio, si devono "creare cittadini consapevoli, che collaborano con noi alla crescita di una comunità di cui tutti facciamo parte".

Sul palco anche l'assessore regionale alla Promozione delle politiche sociali, Teresa Marzocchi che ha sottolineato la necessità di "innovare la politica sui temi dell'immigrazione". Le buone pratiche della Regione hanno fatto molto in questo senso ma occorre "uno slancio ulteriore, dobbiamo lavorare insieme per permettere agli immigrati di accedere in maniera paritetica ai tanti servizi che l'Emilia-Romagna mette in campo". Dello stesso avviso anche Anna Pariani, responsabile Welfare del PD  regionale: "i cittadini di origine straniera che vivono in questa regione, e in Italia, sono ormai una risorsa imprescindibile, senza di loro non c'è crescita e non c'è sviluppo". La destra sta cercando "di dividere la società ed è riuscita a sedimentare l'idea della paura del diverso". Il PD deve farsi promotore, attraverso iniziative come questa, "di una battaglia per i diritti fondamentali dei cittadini a partire da quelli dai bambini e dalle bambine".
Sono proprio loro, infatti, le vittime di una legge che non prevede per i figli di cittadini immigrati l'attribuzione della cittadinanza al compimento del 18esimo anno di età. "Questi ragazzi sono di fatto apolidi e per diventare cittadini italiani sono costretti o ad andare a lavorare o a frequentare le nostre università, dimostrando, oltretutto di ottenere risultati migliori dei loro coetanei italiani", denuncia Marco Pacciotti, del Forum immigrazione del PD. È "assurdo e inspiegabile", prosegue, il Forum e i gruppi parlamentari del PD hanno deciso di promuovere questa iniziativa per "sanare una vera e propria ingiustizia". Chi nasce e crese in Italia è italiano, dunque, come recita lo slogan e trasmettere questo messaggio significa dialogare e "far capire le nostre idee". Così Jean Lonard Touadì, onorevole del PD di origine congolese. "Non possiamo accontentarci di definire razzista chi ha paura degli imimgrati", è un sentimento che si è radicato negli italiani. "Dobbiamo proporre occasioni di confronto di scambio culturale; tocca al PD dare delle risposte, forte della consapevolezza di essere dalla parte del giusto dal punto di vista dei princìpi".

La campagna "I nuovi italiani. Chi nasce e cresce in Italia è italiano" prevede una serie di iniziative sui territori della Regione e a breve, sarà disponibile una raccolta di firme on line a sostegno della proposta di modifica del testo di legge 91 del 5 febbraio 1992 relativa alle "nuove norme sulla cittadinanza".


TAGS:
cecile kyenge |  immigrazione |  pd emilia-romagna |  reggio emilia |  graziano delrio |  teresa marzocchi |  anna pariani |  marco pacciotti |  jean leonard touadì |  diritti |  forum | 

Bookmark and Share





Agenda Appuntamenti
« Settembre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30
Ricerca nel sito
»

pd pd emilia-romagna stefano bonaccini modena ambiente emilia-romagna bologna
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto