Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Modulo di iscrizione al Partito Democratico  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  domenica 15 settembre 2019 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
Una Regione che costruisce futuro

23 febbraio 2010

Pubblicato in: Elezioni 2010

Allegati 1 - Il documento progammatico di sintesi
2 -
La relazione di Marco Lombardelli
3 -
Il documento sul welfare
4 -
Il documento sull'ambiente
5 -
Il documento sul sapere
6 -
Il documento sull'economia

Una campagna elettorale "all'attacco". Questo il monito lanciato da Piero Fassino nel corso del suo intervento durante la Conferenza Programmatica del PD dell'Emilia-Romagna, svoltasi sabato 20 febbraio a Castel San Pietro.

"La crisi è vera e profonda" ha esordito Fassino "ha colpito tutti i Paesi del mondo ma la differenza sta nella risposta che gli altri governi hanno saputo dare". La mancanza totale di strategie nel settore dell'industria come in quello delle infrastrutture, del welfare come in quello della scuola, ha infatti precipitato l'Italia in una scenario dove non ci sono "sviluppo, coesione sociale e legalità". Queste le colpe del governo Berlusconi, secondo Fassino, e questo il punto di partenza di una campagna elettorale "all'attacco". Un mese, quello che ci separa dal voto del 28 e 29 marzo, "in cui dobbiamo essere orgogliosi e consapevoli" di aver fatto bene "laddove abbiamo amministrato", cercando di trovare una via di uscita dalla crisi senza lasciare indietro nessuno. "Così si è fatto in Emilia-Romagna", conclude Fassino, "e così si dovrà fare in vista del voto regionale", denunciando i fallimenti del governo e ribadendo che occorrono idee e programmi che "spingano ognuno di noi a dare il meglio di sé per il bene collettivo".

Ed è proprio da queste valutazioni che parte il ragionamento del segretario regionale del PD Stefano Bonaccini, perché il lavoro di questi mesi "è stato fatto cercando di andare al di là della politica" coinvolgendo i cittadini, la società, il mondo del lavoro e dell'università. Una base fatta di partecipazione e ascolto che deve diventare una prassi in futuro.
"Dobbiamo saper reagire" ha proseguito il segretario "le partite iniziano tute da 0 a 0". Le liste proposte dal PD ER rappresentano la società e il pluralismo culturale presente nel partito. I tre quarti dei nomi presenti sulle schede, sono infatti di persone che si candidano per la prima volta a un seggio regionale, la presenza femminile raggiunge il 40%. Questo è il messaggio che lancia il PD ER, ha concluso Bonaccini per "un'alternativa di governo che partendo dalla regione possa portare un contributo importante sul piano nazionale".

E di un'altra idea di governo ha parlato anche Vasco Errani, nel corso dell'intervento che ha concluso i lavori della Conferenza Programmatica. "Tutto ciò che abbiamo fatto in questi anni" ha ribadito il candidato alla  presidenza della  Regione "propone un'altra idea di amministrare la società, un'idea valida sia per la regione che per il Paese". I nostri progetti mettono in campo un modello che è effettivamente alternativo, che mette al centro una comunità. "Bisogna pensare alle persone", ammonisce Errani.
La destra rappresenta l'Emilia-Romagna "sulla base del loro schema preconfezionato: descrivono una società regionale bloccata e sottomessa ad un potere". Questo è inaccettabile per Errani, perchè "nega ciò che è davvero la forza di qesta comunità e cioè il suo dinamismo e la sua libertà".
"Dobbiamo essere sereni" ha concluso Errani "e parlare della nostra regione e delle nostra gente". Vincere le elezioni significherà guadagnare i voti degli elettori dimostrando di essere "qui e ora i portatori di una cultura di governo più solida, capace ribattere all'individualismo promosso dal governo pronunciando con forza quella che è e deve essere la parola chiave del PD: noi".
 


TAGS:
conferenza programmatica |  pd emilia-romagna |  stefano bonaccini |  vasco errani |  piero fassino |  marco lombardelli |  programma |  elezioni 2010 |  welfare |  scuola |  sapere |  ambiente |  lavoro |  economia | 

Bookmark and Share





Agenda Appuntamenti
« Settembre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30
Ricerca nel sito
»

bologna modena ambiente pd emilia-romagna pd emilia-romagna stefano bonaccini
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto