Home |  PD ER  |  Trasparenza  |  Coordinamenti territoriali  |  PD Nazionale  |  Materiali  |  Articoli  |  Comunicati  |  Elezioni  |  Albo elettori  |  Contatti  |  Modulo di iscrizione al Partito Democratico  |  Audielettori   |
Feed RSS 
Partito Democratico - Emilia-Romagna
  domenica 15 settembre 2019 Partito Democratico Emilia-Romagna
| Agricoltura | Ambiente | Cultura e Europa | Economia | Enti locali | Immigrazione | Lavoro | Montagna | P.A. | Scuola | Sicurezza | Sport | Turismo | Università | Welfare |
Processo breve, ennesimo colpo alla sicurezza del Paese - il PD ER si mobilita

21 gennaio 2010

Pubblicato in: Dichiarazioni

Allegati 1 - Migliaia di processi annullati per salvarne uno solo - il manifesto del PD ER

Questa la dichiarazione di Stefano Bonaccini:

"Un vecchietto di 90 anni costretto a fare i 100 metri in dieci secondi netti. Pena la sua eliminazione. E' questa la logica del processo breve. Un monstrum giuridico senza precedenti nella storia del parlamento italiano, almeno dal dopoguerra a oggi. Ma anche l'ennesimo colpo alle politiche della sicurezza nel nostro Paese. Questo governo  che ha costruito le sue fortune politiche ed elettorali sfruttando e alimentando ad arte le paure della gente, sta smantellando, pezzo per pezzo, le basi stesse della sicurezza e dell'ordine pubblico. Con la Bossi-Fini, in vigore dal 2002, che invece di combattere l'immigrazione clandestina la alimenta; con i tagli selvaggi alle risorse destinate alle forze dell'ordine; con lo scudo fiscale, il terzo della serie dopo quelli del 2001 e del 2003, che ha rimesso in moto l'import-export di soldi sporchi; ma anche con l'aggressione della magistratura e la sua delegittimazione sistematica che conosce, con il processo breve, il suo ultimo atto. Un colpo di spugna spacciato per riforma che risulta indigesto anche a chi ben sopporta le intemperanze del premier. Un provvedimento che, per salvare un uomo, cancella migliaia di processi, nega alle vittime il diritto ad avere giustizia, fa un regalo ai responsabili di reati gravissimi, dalla corruzione alla bancarotta all'omicidio colposo. Un obiettivo perseguito dalla destra con scientifica determinazione e neppure un'ombra di vergogna, come ha giustamente rilevato la senatrice Finocchiaro in  aula. Una ragione in più per costruire un'alternativa forte e credibile a questa destra, a partire dalle prossime elezioni regionali, per impedire che il Paese si allontani dall'Europa". 

Sabato 23 e domenica 24 gennaio, ha preso il via la campagna di mobilitazione contro l'approvazione del processo breve, promossa dal Partito Democratico dell'Emilia-Romagna. I primi banchetti sono stati allestiti nelle piazze dei comuni delle province di Bologna, Ferrara, Imola, ModenaRimini

La mobilitazione proseguirà nei giorni successivi, anche nelle altre province dell'Emilia-Romagna.

A breve le date e i luoghi dei banchetti.


TAGS:
stefano bonaccini |  pd emilia-romagna |  dichiarazione |  giustizia |  processo breve |  mobilitazione |  campagna |  bologna |  ferrara |  rimini |  imola |  modena | 

Bookmark and Share





Agenda Appuntamenti
« Settembre 2019 »
DoLu MaMe GiVe Sa
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30
Ricerca nel sito
»

modena emilia-romagna ambiente pd emilia-romagna stefano bonaccini pd bologna
Visualizza la galleria completa »
 Partito Democratico dell' Emilia-Romagna - Via Cairoli, 7 - 40121 - Bologna - Tel 051 03 92 661 - Fax 051 03 92 660 - C.F. 91 290 380 376 - Privacy Policy 
Il sito web del PD Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto